4 novembre 2011 - Forlì, Agenda, Cultura, Spettacoli

A Forlì si va alla "scuola dello spettatore"

Sarà l’incontro dedicato a “Le bugie con la gambe lunghe”, ad inaugurare la “Scuola dello Spettatore” promossa dall’Associazione Culturale Incontri Internazionali “Diego Fabbri” insieme all’omonimo Centrodi studi,ricerche e formazione sul teatro e i linguaggi dello spettacolo per preparare gli spettatori alla visione degli spettacoli inseriti nel cartellone di prosa del Teatro Comunale. “Il nostro paese – osservano, infatti, i curatori della nuova rassegna - è pieno di scuole di teatro per diventare attori, ma se è vero che lo spettacolo teatrale (a differenza del testo teatrale) è un evento che si realizza solo in presenza di (e nel confronto con) il pubblico, allora vi dovrebbero essere altrettante scuole per formare gli spettatori. Che invece non ci sono".

La Scuola prenderà il via questo lunedì - 7 novembre, alle 17.30, presso il Ridotto del teatro Diego Fabbri - con l’illustrazione dei contenuti e della fortuna de Le bugie con le gambe lunghe di Eduardo De Filippo, commedia non più della realtà contro la finzione, ma della vera e propria menzogna contro la verità, a cura di Paolo Rambelli, membro del Comitato Scientifico dell’ass. cult. Incontri internazionali “Diego Fabbri”.

La scuola proseguirà quindi con gli incontri dedicati – sulla scorta del cartellone di prosa del “Teatro Diego Fabbri” – ad Art di di  Yasmina Reza (lunedì 12 dicembre, sempre alle 17.30, a cura di Marie-Line Zucchiatti dell’Università di Bologna), a I Masnadieri di Friedrich Schiller (lunedì 9 gennaio 2012, a cura di Giovanni Nadiani dell’Università di Bologna), a Quello che prende gli schiaffi di Leonid Nikolaevič  Andreev (lunedì 23 gennaio, a cura di Margherita de Michiel dell’Università di Bologna), a Sogno di una notte di mezza estate di William Shakespeare (lunedì 6 febbraio, a cura di Francesco Giardinazzo dell’Università di Bologna), a Per non morire di mafia di Pietro Grasso (martedì 21 febbraio, a cura del giornalista e saggista Roberto Rossi), ad Aladin - Il musical di Stefano D’Orazio (lunedì 6 marzo, a cura nuovamente di Francesco Giardinazzo), per concludersi quindi lunedì 19 marzo 2012 con Salvatore Cabras e Maggie Rose, traduttori di The History Boys di Alan Bennett.

 La partecipazione agli incontri è libera e gratuita.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.