28 ottobre 2011 - Forlì, Cesena, Cronaca

Fermata la banda delle ville

Hanno messo a segno l’ultimo colpo, una ultima razzia concessa dalla polizia che era sulle loro tracce già da tempo. Hanno permesso che perpetrassero il loro ultimo reato per coglierli sul fatto. Tutto sembrava andare come sempre per i tre giovani 21enni di origine albanese residenti a Meldola che giovedì hanno svaligiato un’abitazione tra Cesenatico e Longiano, l’ultima di una lunga serie. Si sono appropriati di gioielli, orologi, computer, tv, videogames, prima di darsi nuovamente alla fuga apparentemente indisturbati.

A catturarli gli agenti della Squadra Mobile di Forlì diretta da Claudio Cagnini che ha fatto scattare le manette ai loro polsi ieri sera intorno alle 22:00 in pieno centro a Meldola. 

I giovani, raggiunti da diverse pattuglie hanno tentato di forzare il posto di blocco speronando le auto della polizia

Due le auto sospette su cui la polizia aveva messo gli occhi da tempo: una BMW Serie 5 (risultata poi rubata nel ravennate nei primi giorni di ottobre) a cui i giovani avevano sostituito il numero di targa e una Opel Tigra.

Ieri la polizia ha seguito attentamente proprio questo ultimo mezzo nel tragitto tra Cesenatico e Longiano, zona in cui è stato messo a segno l’ultimo colpo.

Inconsapevoli di essere seguiti i giovani hanno fatto ritorno a Meldola intorno alle 22 di ieri  quando si sono trovati di fronte ad un consistente posto di blocco. I ragazzi hanno tentato di eludere il blocco facendo marcia indietro e speronando un’auto di servizio delle forze dell’ordine  (senza conseguenze per gli agenti a bordo), ma senza alcun risultato. Fatti scendere dall’auto i giovani sono stati condotti immediatamente in commissariato. Nella perquisizione dell’automobile, oltre a buona parte della refurtiva, sono stati trovati gli attrezzi del mestiere: mazze da baseball, piede di porco, cacciaviti e tutto il necessario per scassinare le serrature e le porte di auto e abitazioni. Immediata è stata anche la verifica degli agenti a casa dei giovani; li sono stati trovati cellulari, computer portatili monitor lcd e una jaguar, risultata sottratta a Russi. Sono state inoltre trovati altre due chiavi di automobili, ma di questi mezzi nemmeno l’ombra. Il bottino racimolato dalla già ribattezzata banda delle ville ammonta a circa 150 mila euro. Per loro è scattata l’accusa di flagranza di furto in abitazione continuato, resistenza e danneggiamento aggravato.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.