25 ottobre 2011 - Forlì, Cesena, Cronaca, Economia & Lavoro

Forlì Cesena la provincia più "Bio" della Regione

Un più forte collegamento tra produzione e domanda di prodotti biologici. E' l'esigenza di un mercato regionale che vive il paradosso di una domanda in forte crescita, di fronte a superfici coltivate che rimangono sostanzialmente stabili: a sottolinearlo è stato l'assessore regionale all'Agricoltura Tiberio Rabboni, in occasione del recente convegno “Il futuro del biologico in Emilia-Romagna tra orientamento al mercato e nuova Pac”. 

Tre le proposte avanzate da Rabboni. “Proporremo ai grandi operatori del biologico regionali e nazionali l’adesione a contratti quadro con produttori e allevatori per programmare meglio le produzioni e le loro caratteristiche, anche ampliando la possibilità di usufruire  dei contributi già previsti al riguardo dal PSR”. 

Accordi di filiera dunque, ma anche necessità di differenziare gli aiuti del Piano regionale di sviluppo rurale in relazione alle diverse tipologie di produzione biologica, “per sostenere maggiormente quelle che promuovono a loro volta produzioni bio a monte e a valle” e - infine - una banca dati centralizzata realizzata d’intesa con il Ministero e con le altre Regioni per prevenire l’agropirateria , perché “la penetrazione di falsi prodotti bio produrrebbe un danno gravissimo alla reputazione dell’intero sistema”.

 

I dati del biologico in Emilia-Romagna
Con i suoi 3585 operatori, in crescita del 2,3 % rispetto al 2009, l’Emilia-Romagna si conferma, anche nel 2009 la prima regione “bio” in Italia.

Secondo i dati diffusi oggi a Bologna dall’assessorato regionale all’agricoltura, le aziende agricole emiliano-romagnole che hanno bandito l’uso della chimica sono 2725 (erano 2699 nel 2009), mentre le imprese di trasformazione 860 (805 nel 2009). In crescita in particolare gli allevamenti bio (passati da 580 a 625, +7,76%) e le aziende agricole in conversione ( da 301 a 441, pari a un + 46,51%).

Considerando l’articolazione sul territorio, la provincia in testa alla classifica per numero di aziende agricole biologiche è quella di Forlì-Cesena con 549, seguita da quella di Parma con 434 e da quella di Bologna con 359.

La superficie bio in regione è complessivamente pari a 76.781 ettari (in calo dell’1,28% rispetto all’anno precedente), circa il 7% della superficie agricola totale: un dato questo che pone l’Emilia-Romagna al primo posto tra le Regioni del nord Italia.

Dal 2007 a oggi il biologico pur contando meno del 3% del totale delle aziende agricole regionali ha ricevuto finanziamenti dal Piano regionale di sviluppo rurale per un totale di 181 milioni di euro pari al 34% dei contributi complessivi. Si tratta in prevalenza di contributi volti a compensare i maggiori costi derivanti dall’applicazione dell’agricoltura biologica a fronte del riconoscimento del beneficio ambientale che questo tipo di agricoltura rende alla collettività.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.