18 dicembre 2013 - Forlì, Agenda, Cultura, Società

Dal tramonto all'alba, un concerto "da paura" per sostenere lo Ior

FORLI' - L’anno di attività culturali promosso dal Cral della Cassa dei Risparmi di Forlì si chiude con il botto e all’insegna della solidarietà con un evento dedicato alla musica, alla tradizione e alla modernità.

 

Saliranno sul palco dell’Auditorium Cariromagna  i Mr. Zombie Orchesta una giovanissima formazione che ha fatto della musica tradizionale del territorio un patrimonio fondamentale a cui attingere a piene mani per riproporlo in chiave moderna e perpetrare la cultura del passato alle nuove generazioni.

 

Il gruppo è nato un anno e mezzo fa e da allora ha dato avvio ad un percorso di esplorazione della cultura attraverso la musicalità del jazz e del tango. Nella ricerca culturale messa in atto i giovani si sono imbattuti in un pilastro della cultura romagnola come Secondo Casadei e da lì è partita l’idea di riproporre i suoi brani in modo originale ed alternativo.

 

Nasce da questi presupposti l’evento che si terrà all’Auditorium giovedì 19 dicembre alle ore 21.00 in un concerto ribattezzato “Dal Tramonto all’Alba” che vedrà la partecipazione di Riccarda Casadei, figlia del M° Secondo.

 

Alla bellezza e curiosità dell’evento si lega indissolubilmente e a doppio filo, lo scopo benefico della serata. Il concerto, il cui ingresso è ad offerta libera, è finalizzato alla raccolta di fondi in favore dello Ior.

 

Il ricavato della serata sarà devoluto all’Istituto Oncologico Romagnolo per sostenere il progetto di trasporto dei pazienti presso i luoghi di cura.

“Il servizio è nato negli ultimi anni – spiega Mario Pretolani, Vicepresidente e Consigliere Delegato IOR -  Le famiglie diminuiscono di numero e la difficoltà di riuscire a trovare dei parenti disponibili al trasporto è sempre più difficile”.

 

Il servizio al momento è attivo ed accessibile solo per pazienti autosufficienti ed è integrato con quello messo a disposizione dall’Irst di Meldola: “non abbiamo le competenze per fare altro al momento”, continua Pretolani.

 

Dando un occhio al numeri è facile comprendere l’essenzialità del servizio messo a disposizione dallo Ior: in un anno mediamente vengono effettuati nel forlivese ben 284 trasporti comprendo una distanza complessiva di circa 10 mila chilometri, impegnando inoltre ben 8volontari.

 

Su tutta la Romagna, invece sono 41 i volontari coinvolti con 8 mezzi a disposizione che nel 2012 hanno effettuato 1342 viaggi, coprendo una distanza complessiva di quasi 72 mila chilometri.

Quanto costa questo servizio all’anno? Circa 40 mila euro e questa raccolta fondi punta proprio a questo, a raggiungere una somma necessaria e sufficiente a mantenere viva questa attività.

Il sogno nel cassetto rimane quello di poter comprare un nuovo mezzo per ampliare il servizio, un desiderio che speriamo possa realizzarsi al più presto. 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.