12 dicembre 2013 - Forlì, Economia & Lavoro, Politica, Società

Gruppo ACIS, i sindacati riprendono Bartolini (PdL), “Facciamo chiarezza”

SANTA SOFIA - “Leggendo una dichiarazione stampa di queste ore del consigliere regionale Bartolini del PDL riteniamo necessario fare chiarezza in merito alla situazione, assolutamente complicata, in cui si trovano le lavoratrici e i lavoratori del Gruppo ACIS di Santa Sofia”: con questi termini si apre la nota congiunta inviata dalle segreterie di Fim, Fiom e Uilm per ribattere alle dichiarazioni del consigliere regionale del PdL.

 

“Di recente i sindacati hanno sottoscritto un accordo con il curatore fallimentare nominato dal tribunale di Forlì al fine di garantire a gran parte dei lavoratori dell’azienda 18 mesi di cassa integrazione straordinaria e l’avvio delle procedure di mobilità”, ha scritto questa mattina in un comunicato che annunciava la presentazione di una risoluzione in consiglio regionale, Bartolini.

 

“Al momento purtroppo non abbiamo ancora raggiunto l'accordo per il ricorso alla cassa integrazione straordinaria per fallimento”, ribattono i sindacati che cercano in questo modo di fare chiarezza sull’intera vicenda e ponendo l’accento anche su alcune imprecisioni nell’intervento del consigliere. Ad esempio la cassa integrazione avrà una durata di 12 mesi a decorrere dal fallimento eventualmente prorogabili e non 18 mesi come annunciato da Bartolini.

 

“Auspichiamo però che, a seguito dell'approvazione da parte del giudice delegato che dovrebbe avvenire in queste ore, entro la metà della prossima settimana sia possibile sottoscrivere tale accordo in Provincia anche al fine di consegnare il testo dello stesso a tutti i lavoratori affinché siano attivate le procedure di anticipazione da parte degli istituti di credito nelle more del pagamento della cassa diretto da parte dell'Inps ai singoli lavoratori”, ribadiscono ancora una volta le sigle sindacali.

 

L'accordo di cassa integrazione straordinaria, inoltre, prevede al suo interno anche lo strumento della mobilità per favorire la ricollocazione dei lavoratori che trovassero nuovo impiego nel periodo interessato alla CIGS.

 

Sono invece già autorizzati i trattamenti di cassa integrazione straordinaria in deroga per i lavoratori di ACIS e CISS per il periodo dal 2 luglio 2013 al 22 settembre 2013, per i quali è imminente il pagamento diretto ai lavoratri da parte dell'INPS. 

 

In queste settimane infine, anche con momenti di informazione pubblica e con assemblee sindacali svolte in azienda, tutti i lavoratori creditori (circa 250) sono stati messi nelle condizioni di essere assistiti nelle pratiche per l'insinuazione nello stato passivo del fallimento per recuperare le retribuzioni arretrate (4 mesi e quattro giorni), il TFR e quanto dovuto come mancato versamento alla previdenza complementare.

 

“Dichiarazioni confuse non aiutano nessuno, né i lavoratori a casa in attesa degli ammortizzatori sociali, né i lavoratori (una novantina) al momento occupati in Vis Mobilty, l'azienda che tramite affitto di ramo d'azienda sta proseguendo nelle attività di Acis anche sulla base di importanti accordi sindacali raggiunti nel corso del 2013”, conclude il suo intervento il sindacato che annuncia poi la convocazione di un assemblea sindacale in azienda il prossimo 19 dicembre.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.