9 dicembre 2013 - Forlì, Agenda, Cultura

Misteri e personaggi illustri di Forlì, i segreti verranno svelati

FORLI' - Sarà il sindaco di Forlì, Roberto Balzani,  a introdurre la presentazione dei volumi: "I misteri di Forlì. Delitti, personaggi e curiosità sull'altra faccia della storia forlivese" di Paolo Cortesi e "Personaggi di Forlì. Uomini e donne tra Otto e Novecento" di Marco Viroli e Gabriele Zelli, editi dal Ponte Vecchio di Cesena.

 

L'iniziativa si svolgerà mercoledì 11 dicembre 2013 presso il Salone Comunale, piazza Saffi 8, con inizio alle ore 20.45 e vedrà la presenza degli autori e dell'editore Marzio Casalini.   

Paolo Cortesi, a proposito del suo libro, scrive nell'introduzione: "Ma sì, lo sappiamo: Forli non è la Parigi del 'Codice da Vinci', né la Torino dei satanisti, né la Praga degli alchimisti.

 

E un forlivese, davanti all'idea che la sua città sia 'misteriosa', si farà subito scettico, se non derisorio. Il romagnolo, ed il forlivese in massimo grado, tradizionalmente si descrive - si percepisce - come persona concreta, sanguigna, pratica. Alle brume impalpabili dell'enigma, qui si preferiscono le realtà ben nette, che so: il lavoro, la morosa (il moroso), gli amici, una bella mangiata, una bella casa, una bella automobile... Tuttavia, anche Forli ha avuto i suoi misteri: storie oscure, inquietanti, truci fatti di sangue e stranezze".

 

L'autore, infatti, con lo stile e la capacità narrativa che lo contraddistinguono, offre una collana di storie misteriose, singolari e stupefacenti, nessuna delle quali è opera di fantasia, e nulla vi è di romanzato: ogni dato, ogni nome, ogni fatto provengono da fonti documentarie autentiche, cui Cortesi si è lealmente attenuto.

 

Il libro "Personaggi di Forlì" è basato sugli articoli scritti da Gabriele Zelli e pubblicati nel corso degli ultimi tre anni su "Il Momento", settimanale di informazione della Diocesi di Forlì - Bertinoro. In molti casi gli scritti risentivano dei limiti imposti dallo spazio e dal taglio che un periodico richiede. Si è provveduto, quindi, a creare una serie di cinquanta capitoli arricchiti nello stile e nei contenuti, ognuno dedicato a un personaggio, ognuno leggibile a sé stante.

 

Da questo ulteriore lavoro, che è stato compiuto da Marco Viroli, ne è scaturita una raccolta di figure forlivesi dell'Otto/Novecento volta a soddisfare le tante richieste giunte ai due autori nel corso delle serate, degli incontri e delle visite guidate che costantemente propongono e conducono e che dedicano alla gente, alle tradizioni, alla storia e alla cultura della Romagna e dell'amata Forlì.

 

La pinacoteca allestita da Marco Viroli e da Gabriele Zelli offre con i suoi cinquanta ritratti frammenti della storia e del volto della Forlì di ieri e di oggi: una galleria di figure, diverse tra loro per origine e per cultura, che tra Ottocento e Novecento hanno interpretato aspetti della vita quotidiana, della politica e della cultura di un'intera città, ne hanno rappresentato gli ideali, le attese le varie e infinite commedie del vivere.

 

Nel loro insieme, i diversi ritratti costituiscono un arazzo multicolore delle memorie forlivesi e ci aiutano a riconoscerci. Non a caso nella presentazione Luciano Sedioli, direttore del "Momento", sottolinea che i personaggi evocati non sono stati presi in considerazione "con lo spirito nostalgico del passato, ma con l'amore e l'attenzione di chi ha grande cura del presente. Si parla di personaggi di ieri per parlare dell'uomo di oggi".

 

Naturalmente, in questa evocazione e ricostruzione di cinquanta destini, la varietà dei casi, la diversa caratteristica degli attori sulla scena, la molteplicità degli ambienti assicurano il divertimento di una lettura intrigante e coinvolgente.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.