17 giugno 2014 - Cultura, Arte

Successo delle mostre a Palazzo Dolcini

MERCATO SARACENO - A Palazzo Dolcini, teatro comunale di Mercato Saraceno, sabato scorso, in occasione dell’inaugurazione di due mostre fotografiche, è stato proiettato il video dedicato da Donatella Balzani a Rossana Berardi, proprietaria del Cinema Odeon mercatese (ora l’edificio del cinema ospita un supermercato), che ha mantenuto viva la magia del cinematografo nel territorio della vallata del Savio e oltre fino ai primi anni 80.

 

Commozione in sala mentre Rossana raccontava in video aneddoti sulle proiezioni che erano iniziate nel 1956. Dalle parole della stessa autrice del video, Donatella Balzani: “Mentre la ascoltavo rivedevo lo stupore e la meraviglia delle persone che nel 1956 (anno dell’apertura) per la prima volta scoprivano la magia del cinema”.

 

Nel video traspare l’indubbio ruolo culturale e antropologico che il cinema Odeon ha svolto, nei circa tre decenni di attività, attraverso la spigliata vivacità e freschezza di racconto della ottantaquattrenne protagonista.

 

La proiezione di questo video-documento avviene all’interno di quello che è il quinto dei dieci appuntamenti, il cui svolgimento si protrarrà fino a fine 2014, relativi alle 10 mostre dedicate ai 20 progetti fotografici realizzati dai partecipanti nell’ambito della terza edizione del workshop fotografico ConCorso: ConCorso inContro.

 

In questa occasione sono state inaugurate le mostre: “La Rossana del cinema”, dedicato, come detto, da Donatella Balzani al cinema Odeon e alla sua proprietaria e di cui il video, omonimo, è il completamento. La seconda delle mostre in programma per questo evento è “Essere Giona”, con cui l’autrice Laura Ruscelli Santucci ha inteso raccontare - sue sono le parole – “la diversità, per soffermarmi a cogliere la poesia di un bambino che conduce una vita normale”… “ Con l’auspicio che non debba mai sentirsi diverso, ma integrato. Con le stesse capacità e opportunità degli altri suoi coetanei “.

 

Le due mostre resteranno aperte anche sabato e domenica prossimi 21 e 22 giugno dalle ore 17,30 alle ore 19,30.

 

La doppia mostra segna la conclusione del primo ciclo di mostre dedicate, oltre a quelle odierne, ad altri otto progetti fotografici: “Prisoner of War”, “La Guerra? Mettiamola fuori dalla storia”, “Un’anima in valigia”, “Il mondo della vita di R“, “La casalaccia di Rosina”,“La strada di Casa”, “Fonico”, “Ho pensato spesso ad un ritratto”.

 

Alla fine di questo ricco programma espositivo è prevista, nel mese di dicembre 2014, la mostra del fotografo ravennate Cesare Fabbri, con cui è stato aperto nel mese di gennaio 2013 la terza edizione del ConCorso: Workshop fotografico / Arte partecipate / Arte in relazione ConCorso inContro, ideato e curato da Anton Roca e che può contare con la collaborazione del tecnico in postproduzione Renato Lucchi e, nel comitato d’onore, con la presenza del fotografo cesenate Guido Guidi.

 

Le tre edizioni del ConCorso finora svolte: ConCorso per immagini, ConCorso per il territorio e l’odierno ConCorso inContro sono state sostenute dall’Amministrazione Comunale di Mercato Saraceno e realizzate in collaborazione tra l’Assessorato alla Cultura e Progetto Rad’Art/Associazione artéco.

 

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.