3 ottobre 2014 - Cronaca, Politica, Società

Maltempo a Castrocaro, Billi propone di sforare il Patto di Stabilità

"Investire nel contrasto al dissesto idrogeologico e ripristinare i maggiori danni pubblici"

CASTROCARO TERME E TERRA DEL SOLE - Nel mese di settembre il maltempo ha picchiato duro sulla comunità di Castrocaro Terme e Terra del Sole provocando ingenti danni alle strutture pubbliche e private. In attesa del riconoscimento della calamità naturale, e viste le prevedibili lungaggini burocratiche per ottenere i primi risarcimenti, il Consigliere Comunale Francesco Billi ha presentato un Ordine del Giorno rivolto al Sindaco e all'intero Consiglio Comunale per assumere provvedimenti d'emergenza:

 

“Il Comune ha risorse economiche che non può spendere per colpa della normativa europea del Patto di Stabilità. Con il mio documento propongo di votare che l'amministrazione, dopo la recente bomba d'acqua, trovi il coraggio di ignorare questo odioso e assurdo vincolo di bilancio per investire nel contrasto al dissesto idrogeologico e ripristinare i maggiori danni pubblici e privati. Infatti le procedure per ottenere i risarcimenti a seguito di una calamità naturale comportano solitamente lunghissime attese, mentre sarebbe necessaria una reazione amministrativa rapida e concreta".

 

Prosegue poi l'esponente politico locale, preoccupato per l'avvicinarsi dell'inverno: “Mi sembra logico che, dovendo affrontare la cattiva stagione, il Sindaco concentri tutte le risorse possibili per riparare i disastri del recente nubifragio e per prevenire ulteriori situazioni di pericolo, ad esempio ripulendo completamente i fossi, i fiumi e le fogne. Dopo un episodio del genere nessuno dovrebbe essere lasciato solo. Quelle piogge eccezionali hanno provocato tante situazioni critiche in centro e negli immediati dintorni del paese: per come la vedo io non esiste norma o Patto di Stabilità che tenga di fronte all'urgenza di garantire la sicurezza del territorio e la serenità dei cittadini. Sarebbe paradossale attendere mesi o anni per ottenere i primi risarcimenti della calamità naturale, senza poter investire nell'immediato le risorse economiche disponibili. Pertanto” conclude il consigliere “ penso che il nostro comune potrebbe essere d'esempio a molti altri, accantonando momentaneamente i vincoli burocratici per occuparsi solo dell'emergenza ambientale che riguarda così da vicino la nostra cittadinanza.”

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.