25 ottobre 2019 - Cesena, Cronaca

Piena del Savio del 13 e 14 maggio, conclusi i lavori urgenti

Assessore Castorri: “Nel 2020 sarà sistemata la voragine al parco ippodromo per un ammontare complessivo di 165 mila euro”

Con le risorse stanziate dalla Regione Emilia-Romagna, circa 87 mila euro, l’Amministrazione comunale di Cesena ha potuto sostenere tutti gli interventi urgenti disposti nei giorni dell'emergenza, dalla rimozione di rami e alberi dal letto del fiume Savio alla pulizia strade, sistemazione delle piccole frane e della frana più corposa di via Casalbono i cui lavori sono in via di conclusione. Quanto alle opere di ripristino della pista ciclopedonale del Savio e del Parco Ippodromo il Comune ha provveduto, con risorse proprie, a sostenere la spesa dei lavori riguardanti la pista, mentre l’Agenzia per la Sicurezza Territoriale e la Protezione Civile si sono occupate del ripristino dell’argine crollato fra Martorano e Ronta. Inoltre, il Comune ha ripristinato, sempre con fondi propri, la sovrastante pista ciclabile del Savio.

È questo, in sintesi, il contenuto della risposta dell’Assessore ai Lavori Pubblici Christian Castorri all’interpellanza presentata dal consigliere del Partito democratico Lorenzo Plumari. “Nel 2020 – ha anticipato l’Assessore – procederemo con la sistemazione della voragine creatasi al Parco Ippodromo. L’intervento avverrà in collaborazione con il Consorzio di Bonifica, dal momento che i danni hanno coinvolto anche il fosso consorziale Rio del Sacerdote, e sarà sostenuto per 100 mila euro dal Comune e 65 mila euro dal Consorzio di Bonifica, essendo stato destinatario di un fondo regionale specifico”.

Questo intervento sarà necessario al ripristino dell'argine crollato, alla rimozione dei detriti e delle alberature, alla realizzazione del tratto di pista, alla relativa illuminazione e staccionata a completamento del percorso ad anello attualmente interrotto.

“Le opere di mitigazione contro il rischio idrogeologico – ha proseguito Castorri – ci vedono direttamente coinvolti come Comune in tutti gli interventi di ingegneria naturalistica compresi nelle progettazioni delle aree verdi, in quelli previsti nei progetti sulla viabilità extraurbana e più in generale nelle opere a compensazione/mitigazione degli interventi di espansione o completamento urbanistico. Anche su questo tema, come generalmente facciamo su tutto il resto, riteniamo importante agire in stretta collaborazione gli altri Enti territorialmente competenti: nel caso specifico il Consorzio di Bonifica e l’Agenzia per la Sicurezza Territoriale e la Protezione Civile”.

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.