18 maggio 2018 - Cesena, Economia & Lavoro

Ricami e passamanerie d’eccellenza nel cuore della Romagna

I grandi marchi dell'alta moda scelgono un’azienda sanmaurese

Si trova nel cuore della Romagna, nella terra che diede i natali al poeta Giovanni Pascoli, un’azienda che ha fatto del ricamo la sua ragione di vita, inseguendo una continua ricerca estetica in grado di cogliere i trend e gli orientamenti delle grandi case di moda.

Quando si parla di ricamo la mente non vada alle lavorazioni al tombolo delle donne di Burano. Qui si parla di ricami che esplorano le più ardite varietà di stile, unendo la più alta tecnologia alla maestria manuale.

A Punto Art – questo il nome dell’azienda – si va dai ricami in passamaneria al macramé, dall’applicazione di paillette  di varie forme, colori per ottenere un effetto brillio, all’agugliatura dove gli aghi si muovono verticalmente sino a far penetrare fibre lanose su   tessuti morbidi. E ancora, si parla di laser dai tagli netti per pelle, cotone, jersey, lana o lino e di termosaldatura, tecnica ispirata alle realizzazioni più innovative nel campo dell'american sportswear dove le tradizionali cuciture cedono il passo alla forza del calore per realizzare nuovi concept estetici.

E non è un caso se dall’azienda che ha fatto del ricamo un laboratorio cretivo, creata oltre trent’anni fa da Franca Pironi, e che si avvale della collaborazione di Paolo Raggini come direttore commerciale, passano i grandi marchi dell’alta moda. Dior, Armani, Ferretti, Gucci, Oscar De La Renta, Ferragamo, si affidano agli esperti di Punto Art sia per realizzare i prototipi di creazioni che, se entreranno in produzione, porteranno il loro marchio.

 

La ricerca continua delle novità

“Il mondo della moda – afferma Paolo Raggini – è fatto di tante proposte; noi partiamo dal disegno, realizzato dai nostri designer secondo le linee guida fornite dagli stilisti, per arrivare al prototipo e, se le proposte sono accolte, alla produzione. Realizzare un prototipo può richiedere anche più di quaranta ore di lavorazione in macchina.” E le macchine che lavorano i capi sono ad altissima tecnologia, in grado di effettuare più lavorazioni per campo di lavoro, in un continuo equilibrio, comunque, tra programmazione e sensibilità artigianale.

La macchina più importante – e imponente – è una multilaser, una dei tre modelli esistenti in Italia, acquistata grazie una joint venture con un’azienda giapponese. Ci sono voluti due mesi per assemblarla ed è in grado di effettuare tagli laser anche su tessuti leggerissimi con possibilità di sei lavorazioni in contemporanea. Le lavorazioni prevedono, comunque, un controllo qualità che, vista l’importanza dei marchi a cui sono destinate, non può essere fatto a campione ma un capo alla volta.

Punto Art, che si avvale di 25 dipendenti con un'età media di 37 anni, – con sette laureati di cui quattro magistrali – e mette in atto politiche di welfare con attenzione alle madri che rientrano dalla maternità con orari dedicati, dispone anche di un archivio fatto di disegni, schede prodotti e capi realizzati, vero tempio da cui trarre ispirazione e a cui approdano gli stessi stilisti.

 

Designer cercasi

“La nostra è una ricerca estetica continua – continua Raggini – ci stiamo aprendo al mondo della calzatura e delle stampanti 3d per realizzare accessori componibili a cui alla parte in resina si aggiungerà la parte morbida dei tessuti.”Ed è proprio per affrontare una nuova sfida, che, dopo aver vinto un bando con finanziamento nel 2017 l’ente pubblico di ricerca italiano Enea nel settore dello sviluppo software per la manifattura additiva, ora Punto Art sta cercando, attraverso un bando, un designer – ingegnere, architetto o laureato in design o studi artistici – che sia interessato al mondo del ricamo e che voglia apprendere con uno dei più importanti creatori di software, collaborando alla costituzione di una nuova linea di prodotti basata su tecnologie di Adittive Manufacturing.”

 

Barbara Boattini

Tag: Punto Art

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.