2 maggio 2016 - Cesena, Politica

“Non abbattete gli alberi davanti alla Biblioteca Malatestiana”

L'ambientalista Davide Fabbri si appella ai consiglieri comunali

CESENA. Faccio appello ai consiglieri comunali. Alle associazioni ambientaliste della città. Ai cittadini dotati di buon senso, cultura e sensibilità ecologica. Blocchiamo questa idea malsana, e cioè l'abbattimento di tutte le alberature esistenti a ridosso della Biblioteca Malatestiana di Cesena. Tutto questo è previsto nel progetto Tre Piazze di cosiddetta riqualificazione delle piazze Almerici - Bufalini - Fabbri del centro storico della città. A breve verrà approvato il progetto esecutivo. Che prevede appunto l'abbattimento di splendide alberature, di oltre 50 anni di vita: lecci a corona nelle grandi vasche, magnolie e un cedro. A fronte di tale abbattimento, il progetto prevede la piantumazione di nuovi e piccoli alberelli. E pensare che gli alberi così rigogliosi sono essenziali per la nostra salute ed hanno anche un valore storico e culturale. La loro conservazione è fortemente collegata alla difesa del territorio. Per legge questi alberi ad alto fusto inseriti in particolari complessi architettonici di importanza storica e culturale, devono essere tutelati, non abbattuti. A questi alberi deve essere riconosciuto non solo un valore ambientale ma anche culturale: essi diventano simbolo di importanti eventi storici, culturali, tradizioni o semplicemente identificano l’identità di un luogo speciale: la Biblioteca Malatestiana.
Ricordo che il progetto delle Tre Piazze fu individuato dal Comune di Cesena dell'uomo solo al comando Paolo Lucchi tramite un Concorso di Idee nel 2011. Le bellissime e rigogliose alberature sono collocate nell'area che circonda il monumento più prezioso della nostra città: la Biblioteca Malatestiana. Il Concorso di Idee è stato vinto dal gruppo cesenate composto da Marco Ceredi, Francesco Ceredi, Paolo Ceredi e Sara Burnacci. L'intervento, per un importo complessivo di 3 milioni e 300mila euro prevede un immenso lastricato interpretato come ristrutturazione architettonica e funzionale non solo di piazza Bufalini, piazza Almerici, piazza Fabbri, ma anche di vicolo Masini. Tema centrale del progetto di Ceredi è la "restituzione del sistema delle tre piazze a una vocazione prettamente pedonale e ciclabile, mantenendo un percorso di accesso per le auto solo in piazza Fabbri e al parcheggio interrato. Sarà invece potenziato l'accesso ciclabile, destinando ampie zone ai bordi di piazza Bufalini al parcheggio delle bici". Un ruolo importante - affermano i progettisti - "è affidato al verde. In particolare, piazza Bufalini è destinata prevalentemente a giardino, con grandi vasche poligonali collocate nelle aree prospicienti le ali laterali della Biblioteca e un sistema di piante e arbusti studiato per incorniciare al meglio tutti gli elementi storico-monumentali presenti (non solo la Malatestiana, ma anche i monumenti a Bufalini e Serra)". Tutto questo però avviene previo abbattimento delle splendide alberature esistenti cheoggi stesso ho fotografato. 

Davide Fabbri - Comunicazione

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.