10 ottobre 2015 - Cesena, Politica

Pedonalizzazione del centro storico: Davide Fabbri è d'accordo

CESENA Riceviamo e pubblichiamo integralmente la lettera aperta di Davide Fabbri sulla questione della pedonalizzazione del centro storico di Cesena.

 

La mia storia di ecologista, di consigliere comunale per tanti e troppi anni a Cesena, di promotore della lista civica "Cesena SìAmo Noi" è tale da dover prendere posizione netta e chiara sulla questione della chiusura alle auto di Piazza della Libertà e del piccolo centro storico cittadino. 
In città si sta discutendo animatamente della chiusura alle auto in Piazza della Libertà (ed io aggiungerei anche di Piazza Aguselli e Piazza Fabbri). E' la pedonalizzazione graduale del centro storico: tutte proposte avanzate dal sottoscritto e dagli ecologisti da almeno 20 anni in questa città, peraltro sempre snobbate dai partiti del governo locale per insensibilità politica e per le forti pressioni delle lobby dei commercianti. E’ arrivato ora il momento – dopo ingiustificati ritardi - che il primato della politica faccia prevalere gli interessi della salute e del benessere dei cittadini (cioè la qualità della vita), rispetto agli interessi economici - comunque legittimi - dei commercianti e degli esercenti del centro storico. 
Il PD sta rispettando il programma elettorale. Ma c'è modo e modo per rispettare i patti con l'elettorato. Al sindaco egemone e senz'anima Paolo Lucchi vanno imputate incapacità di dialogo, di comunicazione e di relazione nei confronti di chi ha un'idea diversa rispetto alla pedonalizzazione del centro storico. Al sindaco Lucchi vanno imputate responsabilità sul fatto di non aver rivisto l'oneroso progetto - oltre 3 milioni di euro - per la realizzazione della nuova piazza. 
Ciò detto, a Cesena esiste un'emergenza smog da tanti anni: sin quando non è stato dimezzato il numero delle centraline per il monitoraggio della qualità dell’aria, il numero massimo di superamenti annui del limite relativo al PM10 era regolarmente sforato. Il risultato di questa situazione è chiarito in uno studio del locale Dipartimento di Sanità Pubblica dell’A.USL, secondo cui lo smog a Cesena è responsabile di oltre 30 morti l’anno dovuti alle elevate concentrazioni di PM10 nell’aria. Pertanto è l’emergenza inquinamento che impone alla politica di procedere ad una più chiara pedonalizzazione del piccolo centro storico, volto alla tutela degli utenti deboli, mantenendo inalterate le attuali deroghe previste per residenti, disabili, taxi, bus, attività commerciali. Occorre restituire alla cittadinanza la fruibilità di tante piazze del nostro centro cittadino (Piazza Libertà, Aguselli, Fabbri) trasformandole in “piazze a misura di bambino”, anche con la predisposizione di aree alberate, sicure e attrezzate per il gioco. Bloccando definitivamente l'uso indiscriminato dell'auto all'interno delle vie strette della Valdoca. Tutte iniziative che non contrastano con gli interessi economici dei commercianti: nei pressi del centro storico, i posti auto non mancano e sono liberi; oltre 650 posti nei giorni infrasettimanali, circa 450 il sabato.
Mi amareggia e mi imbarazza la presa di posizione del consigliere comunale di Cesena SìAmo Noi Vittorio Valletta che, pur essendo un ecologista, contrasta politicamente - nei fatti - la pedonalizzazione del centro storico e propone un "compromesso" politico: la realizzazione di un parcheggio interrato in Piazza della Libertà, mantenendo inalterato il traffico nella Valdoca.

 

 

Davide Fabbri, ex consigliere comunale di Cesena

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.