2 luglio 2015 - Cesena, Cronaca, Politica

Notte Rosa, Davide Fabbri e Vito Totire: “Basta coi fuochi d'artificio”

L'opinione di due voci fuori dal coro

RIVIERA ROMAGNOLA. Da anni denunciamo alcuni aspetti della kermesse "romanticamente" definita "Notte Rosa"; ci pare una kermesse consumistica furbescamente propagandata come omaggio alle donne; non siamo certamente ostili alla "festa" dell'estate, se questa è indenne da violenze, sprechi e inquinamento, ma questa "Notte Rosa" assomiglia molto al modello borbonico "feste, farina e forca".
Tuttavia andiamo per gradi; prendiamo atto del fatto (positivo) che quest'anno dalla pubblicità della festa prevista per domani venerdì 3 luglio è sparito il logo di una nota azienda che produce superalcoolici; che al silenzio con cui le istituzioni organizzatrici dell'evento hanno reagito alle nostre critiche abbia fatto seguito una saggia decisione?
Secondo noi nelle passate edizioni della "Notte Rosa" l'alcool ha avuto un certo peso; ed ha influenzato qualche incidente stradale; la scomparsa di quel logo oggi è un buon segno, ma non deve essere solo di facciata; a noi non interessa avere il merito della "scomparsa" del logo; ma i fatti ci hanno dato ragione.
Non è possibile avere un programma regionale di contrasto all'abuso di alcoolici e poi cadere miseramente in operazioni pubblicitarie a favore del consumo di alcool;
occorre monitorare il cosiddetto "bere responsabilmente"; la Regione ha deciso di farlo; altrimenti si organizzi con un programma di monitoraggio del consumo.
Rimane l'altra questione sollevata: i fuochi di artificio; è ora di eliminarli definitivamente dal programma della festa. Quest'anno c'è stata un'altra strage in Campania con tre morti; diciamo basta ad una merce che inquina ed uccide;
quando non uccide, spaventa tremendamente gli animali; questo aspetto di tutela degli animali non può continuare ad essere sottovalutato: lo scoppio dei fuochi artificiali di notte causa agli animali danni incalcolabili. 
I fuochi sono occasione di gravissimo rischio, anche mortale, per i lavoratori; poi, in quanto merce, determinano impatto ambientale e sanitario negativo sugli uomini e sugli animali; negativo pure l’impatto a livello di psicologia sociale; non a caso sono stati in passato un simbolo dell’Europa dei monarchi che cercavano di stupire le plebi nell’ambito di quella strategia oscurantista del potere che fu chiamata “festa, farina e forca”.
Come è scomparso il logo dei superalcoolici devono sparire i fuochi artificiali: che la festa ci sia e che sia però vera festa.

 

Vito Totire e Davide Fabbri
AEA Associazione Esposti Amianto e Rischi per la Salute

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.