2 febbraio 2015 - Cesena, Agenda, Cultura, Eventi

A Savignano "Le biciclette di Fausto Coppi"

Domani la presentazione del libro scritto dal savignanese Paolo Amadori

SAVIGNANO SUL RUBICONE - “Le biciclette di Fauso Coppi, i filmati d’epoca, il libro delle sue imprese”.  E’ il titolo del libro del savignanese Paolo Amadori che sabato 7 febbraio sarà presente alla presentazione dell’opera per una serata dedicata a tutti gli appassionati e ai semplici simpatizzanti che sarà davvero spettacolare perché avrà come protagonista la storia di un ritrovamento che ha scosso il mondo del collezionismo ciclistico. La ricostruzione fedele, a prova di documentazione storica, delle biciclette Bianchi utilizzate da Fausto Coppi nel corso della sua straordinaria carriera.

 

L’appuntamento con una serata di grande ciclismo è nel Salone Don Baronio (via Emilia Ovest, Savignano sul Rubicone) alle ore 20 per una cena e a seguire la presentazione del libro. L’evento è promosso dalla dalla Parrocchia di Santa Maria di Castelvecchio, ricavato andrà a sostegno dei lavori di ristrutturazione del nuovo centro parrocchiale. Le prenotazioni per la cena vanno effettuate entro martedì 3 febbraio (ai numeri  Don Giampaolo Bernabini 339 3883651, Amadori Paolo 347 7817968 e Pazzaglia Mario 347 9917682).

 

Tanto è stato scritto su Fausto Coppi, corridore e uomo, sulle sue imprese, sulla sua morte e sulla costruzione di un vero e proprio mito. Poco invece è stato detto del rapporto tra il campionissimo e le sue biciclette. Questo libro parte proprio da qui, dall’appassionata ricerca e descrizione delle biciclette Bianchi usate dal Campionissimo nel corso della sua carriera, dal 1945 al 1958. E tutto questo è stato possibile grazie a uno straordinario ritrovamento: i Registri storici di produzione del “reparto Corse” della Bianchi. Da una valigetta dimenticata - quella di Pinella De Grandi, forse il più famoso meccanico della storia del ciclismo, soprannominato “Pinza d’Oro” - e recuperata da Paolo Amadori, uno dei due autori del libro, è uscito un vero tesoro.

 

Oltre ai Registri storici, che si pensava fossero andati irrimediabilmente perduti con i numeri di telaio e le misure delle biciclette costruite per tutti i corridori Bianchi dai primi anni ’40 a fine anni '60, sono tornati alla luce i quaderni di appunti e i diari di Pinella, in cui il meccanico dei campioni annotava, giorno per giorno, particolari tecnici e note sulle prestazioni dei ciclisti in corsa (al Giro, al Tour e in altre competizioni). Grazie a questi documenti inediti, Amadori e Tullini hanno minuziosamente catalogato, tra le 70 biciclette utilizzate da Fausto Coppi durante la sua carriera alla Bianchi (dal 1945 al 1958), i 14 modelli originali e hanno fornito per ciascuno di loro, un’accurata descrizione tecnica e una ricca documentazione fotografica, raccontando in un nuovo modo, e anche grazie a inedite immagini, le imprese ciclistiche in cui quelle biciclette hanno accompagnato il Campionissimo.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.