11 marzo 2014 - Cesena, Cultura, Società

" I volti dell'India ad uno dei più grandi raduni del mondo "

CESENA - “Come ogni viaggiatore che per la prima volta mette piede in India, lo sconvolgimento emotivo di una condizione umana privata di qualunque dignità e mostrata allo sguardo altrui, lungo i marciapiedi delle grandi metropoli, senza pudore alcuno, capace solo di colpire allo stomaco con estrema durezza e generare un immediato e comprensibile rifiuto a proseguire il viaggio. Poi la forte motivazione, insieme ad un'innata curiosità priva di pregiudizi, mi ha spinto a visitare finalmente l'India ed aiutato a recuperare una personale serenità di giudizio e scoprire come, in questa terra di enormi contrasti, possano convivere aspetti toccanti di indicibile miseria ed altrettanta umana solidarietà”.

 

Questo un passaggio del racconto di Bruno Pizzinelli, architetto di Savignano sul Rubicone, che in occasione del suo ultimo viaggio in India, nel 2013, ha realizzato un fantastico reportage fotografico di uno dei più grandi raduni del mondo ovvero Kumbh Mela e il miracolo delle acque sacre. La mostra fotografica, dopo aver ottenuto un grande successo di pubblico e critica nella sua recente esposizione a Savignano sul Rubicone, ora è esposta presso i locali dell'Agenzia Viaggi Manuzzi di Cesena.

“Abbiamo deciso di proporre questa mostra fotografica presso i nostri ambienti di lavoro – ha spiegato Gianluca Manuzzi Amministratore Delegato dell'Agenzia Viaggi Manuzzi – perché riteniamo che questo fantastico reportage dell'architetto Pizzinelli possa essere un utile strumento per un primo avvicinamento a chiunque fosse interessato a comprendere una nazione così complessa quale l'India. Il nostro personale sarà disponibile, con tutti quelli che lo vorranno, ad illustrare le varie foto della mostra così da conoscere meglio una cultura tanto distante dalla nostra e perciò così affascinante e misteriosa. L'intento della mostra – ha terminato Gianluca Manuzzi - è puramente divulgativo certi come siamo che compito di un'Agenzia Viaggi moderna, che guarda al futuro, sia quello di aprire gli occhi ma soprattutto il cuore delle persone che vogliono scoprire e capire il mondo”.

Oltre venticinque immagini a colori che documentano una delle cerimonie più caratteristiche, coinvolgenti e per certi versi, più sconvolgenti dell’India e della religione induista: il Kumbh Mela di Allahabad che ha luogo ogni dodici anni e che raccoglie milioni di fedeli impegnati nelle immersioni nelle acque dei fiumi sacri Gange e Yamuna.

“ La più incredibile umanità – ha ricordato Pizzinelli - si riversa sulle rive sacre per vedere esaudito un voto che potrebbe dare loro modo di conquistare quella immortalità che ogni fervente indù persegue durante la sua vita in terra. Milioni di fedeli di ogni estrazione sociale e di ogni livello culturale si riuniscono in questa località, assai difficile da descrivere e, soprattutto, da comprendere per chi non sia sostenuto da una Fede così risoluta come quella posseduta da questi pellegrini”.

La mostra sarà visitabile presso l'Agenzia Viaggi Manuzzi, Galleria Almerici 3 - Cesena, fino al 15 aprile 2014. Per informazioni telefonare allo 0547.618511.

 

di Maurizio Cappellini

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.