8 gennaio 2014 - Cesena, Cronaca, Società

Si è spento "Il signore dei libri" di Cesena

CESENA - La scomparsa di Giovanni Bettini lascia un grande vuoto fra i cesenati. Con lui se ne va un protagonista della vita cesenate, un uomo di grande intelligenza e sensibilità, profondamente innamorato dei libri e del suo lavoro di libraio. Per decenni al timone, insieme al fratello Piero, della storica libreria che ancora oggi porta il nome della loro famiglia, fu un instancabile promotore di iniziative culturali, riuscendo a portare a Cesena grandi nomi del panorama letterario.

 

Il Comune esprime con una nota ufficiale il proprio cordoglio per la scomparsa di Bettini e proprio il comunicato inviato alle redazioni locali ne esplicita il motivo: “Il Comune e tutti i cesenati saranno sempre grati a Giovanni Bettini. Lui e la sua famiglia, infatti,  furono determinanti per l’apertura, nel gennaio del 1976, della Biblioteca Ragazzi di Cesena, una delle primissime in Italia. Furono i Bettini, che da tempo  sognavano di creare uno spazio del genere a Cesena, ad adoperarsi appassionatamente per far decollare l’iniziativa, donando il primo nucleo di libri e seguendone la genesi. E proprio da questo fortissimo legame scaturì la decisione di intitolare la Biblioteca dei Ragazzi ad Adamo Bettini, padre di Giovanni”, si legge nella nota.

 

Nel corso dei decenni il legame non si è mai interrotto, e i Bettini ne sono stati sempre orgogliosi, come dimostrò la loro partecipazione attiva anche ai festeggiamenti per i primi 30 anni della Biblioteca Ragazzi. Soprattutto Giovanni ha continuato a seguirla con attenzione e affetto, nonostante le il passare del tempo e le vicende dolorose che lo hanno colpito, come testimonia Loretta Righetti - responsabile della “Adamo Bettini” fin dalla sua nascita - che ricorda con commozione le sue telefonate (l’ultima solo pochi mesi fa)  per informarsi delle attività in corso e segnalare  nuove pubblicazioni.

 

“Generazioni di cesenati hanno imparato ad amare i libri grazie al lavoro di questo straordinario libraio – come lui stesso amava definirsi – dotato di grande fiuto letterario e di grande cuore. Non dimenticheremo mai la sua preziosa eredità e nel suo ricordo ci stringiamo ai familiari e partecipiamo al loro dolore”, si chiude la nota del Comune.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.