4 dicembre 2013 - Cesena, Cronaca, Società

Cesenatico, meno libri e più slot machines

CESENATICO - La scorsa settimana ha chiuso la storica libreria di Cesenatico LIBRINCONTRO, al suo posto sarà allocata una sala slot machines e gioco d’azzardo. La notizia ormai certa aleggia nei corridoi comunali da giorni, immediatamente dopo che è stata resa nota la chiusura di un dei punti di incontro storici per i cittadini di Cesenatico e non solo

 

“Certamente l’attività commerciale con sala slot machines, anche se moralmente discutibile, è legittimata a svolgere la propria funzione – commenta il consigliere 5 Stelle, Aberto Papperini - Tuttavia, vorremmo ricordare che due mesi fa il Consiglio comunale ha approvato la proposta di mozione presentata dal MoVimento 5 Stelle attinente al “manifesto contro il gioco d’azzardo”, con la quale si esplicitava l’impegno per il Comune di Cesenatico a disincentivare questo fenomeno ludo-patologico che colpisce molte famiglie del nostro territorio”.

 

Una delle iniziative intraprese dai molti Comuni che hanno approvato questa campagna è stata l’emanazione di un’ordinanza con la quale si vincolano le attività che possiedono slot machines a non poter esercitare nelle prossimità di luoghi sensibili, sociali ed educativi della città come scuole, piazze, biblioteche, centri storici e culturali.

 

“La cosa alquanto singolare e in totale incoerenza è che con delibera di Giunta n.322 del 12 novembre 2013 l’Amministrazione Buda ha disatteso l’approvazione di tale manifesto, prorogando per altri 2 anni e mezzo il contratto di locazione dell’immobile di proprietà comunale alla società che gestisce la sala bingo e slot machines sito presso Atlantica”, attacca il pentastellato che prosegue:  “Questa scelta, oltre che ad essere fortemente diseducative per la città, non rispetta ciò che il Consiglio comunale ha deliberato, dimostrando l’incoerenza, la totale indifferenza e mancanza di sensibilità dell’Amministrazione Buda su questo tema”.

Parrebbe quindi che anno dopo anno, la città leonardesca perda pezzi di cultura, tradizione, storia e socialità

 

“Ormai quello che conta sono solamente varianti urbanistiche per pochi, favoritismi personali e interessi hobbistici – continua Papperini - La nostra tradizione, cultura e storia viene messa regolarmente in secondo piano.

 

Come spesso ribadito in altre occasioni, il consigliere comunale del Cinque Stelle torna a promuovere uno stile di vita alternativo e più sostenibile: “Invece di incentivare l’apertura di sale slot machines, dovrebbero essere ripristinate attività ricreative per i giovani, iniziative culturali e artistiche. Ai giovani non servono sale per il gioco d’azzardo, ma spazi per la musica, il teatro, l’arte, lo sport e il sano divertimento. I motori di una comunità devono essere le proprie radici culturali e storiche. La tradizione locale deve funzionare da filo conduttore per i cittadini che lavorano e risiedono, al fine di garantire un sistema di solidi valori sociali, culturali e storici”, conclude Papperini

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.