29 novembre 2013 - Cesena, Agenda, Cultura, Eventi

“Un esercito scomodo”, un salto nella storia per comprendere il presente

L’Associazione di promozione sociale “ Polonia” di Cesena  organizza la presentazione del libro “Un esercito scomodo. Il secondo Corpo d’Armata Polacco in Italia 1944-46” di Giampietro Panziera (Università Popolare di Rovigo) che si terrà in Sala Lignea della Biblioteca Malatestiana, 30 novembre  alle ore 17.15.

 

Interverranno Elena Baredi (Assessore alla Cultura del Comune di Cesena), Maurizio Nowak (presidente dell’Associazione delle Famiglie dei Combattenti Polacchi in Italia) e Bernadeta Grochowska ( Presidente dell’Associazione Polonia di Cesena).

 

L’evento è patrocinato dal Consolato Generale di Polonia in Milano e dal Comune di Cesena.

La storia della Polonia è stata sempre travagliata soprattutto per la sua posizione geografica tra i due colossi ( Germania e l’Unione Sovietica). Il  17 settembre 1939 è stata  divisa per la quarta volta tra le due  potenze  e così iniziò il processo di sradicamento del popolo polacco.

 

I Tedeschi praticavano i campi di concentramento invece i Russi mandavano in villeggiature gratuite in Siberia e nelle zone polari. La situazione è  cambiata solo quando A. Hitler si è rivolto contro J.Stalin ( Piano Barbarossa, 1941), perché il Governo polacco in  esilio ha potuto formare il 2° Corpo d’Armata Polacco sotto il comando del generale Wladyslaw Anders. 

 

In questo modo,la parte dei superstiti dell’esercito polacco ( le fosse di Katyn),  civili (bambini, donne, anziani) sono usciti dall’URSS e hanno iniziato la loro l’odissea attraverso la Persia, Iran, Irak, Egitto fino in Italia e poi Inghilterra, Argentina, Australia, Brasile, USA, Canada, ecc.

 

 

In Italia il Corpo polacco è stato assoggettato all’VIII Armata Britannica e  ha eseguito delle battaglie  cruciali ( fiume Sangro, Monte Cassino, fiume Metauro, Ancona -linea gotica  fino a Bologna). Alla fine di guerra, per i motivi politici e diplomatici l’esercito  di Anders è stato scomodo per tutti gli alleati. In Scozia è avvenuta la smobilitazione e tutti i veterani sono stati lasciati al loro destino. Per molti non è stato possibile ritornare mai più in Patria ( magari dopo l’89). Parecchi hanno cercato la fortuna in paesi lontani, in una diaspora enorme.

 

Quelli che sono rimasti  o ritornati in Italia per un paio d’anni erano apolidi. 

E’ una storia assai dolorosa e toccante, per questo l’Associazione Polonia  desidera  avvicinare il pubblico di Cesena e dintorni  a questa tematica per non dimenticare! Per capire il presente  bisogna conoscere il passato.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.