25 settembre 2013 - Cesena, Economia & Lavoro

Kiwi fra emergenza e mercato

Previsioni di produzione, nuovi mercati e la situazione delle batteriosi al Summit mondiale di Cesena

CESENA - Anteprima di Macfrut, martedì 24 settembre, con il Summit mondiale sul kiwi che ha visto una massiccia affluenza e partecipazione al convegno, a dimostrazione del grande interesse per le problematiche della batteriosi e della valorizzazione del kiwi.

 

A moderare i lavori, Roberto Della Casa, dell’università di Bologna. A dare il via è stata Elisa Macchi, direttore di CSO, con le previsioni di produzione 2013/2014, e con particolare riferimento all’impatto economico della batteriosi. In Italia le statistiche si assestano su un +5% rispetto al 2012 e sul -16% rispetto alla media 2008/2011. Per quanto riguarda il panorama mondiale, le previsioni di produzione vedono l’Italia al primo posto, con un +7%, seguita dalla Spagna al 4%, mentre sono in netto calo la California (-23%), la Grecia e la Corea del Sud (entrambe a -15%), e la Francia (-13%).

 

Sono stati fatti passi importanti in tema di prevenzione e difesa da parte dei produttori italiani che, però, risentono dell’aumento dei costi di materie prime e manodopera. Spese, queste, che diventano molto più consistenti con la diminuzione delle rese. “Non dobbiamo cadere nell’errore di non mettere in atto tutte le tecniche appropriate per prevenire la malattia – ha detto Elisa Macchi – perché in caso contrario gli oneri sarebbero molto più elevati”.

 

La situazione, dunque, appare preoccupante in riferimento a una coltivazione che ha sempre rivestito un ruolo importante nell’economia ortofrutticola italiana ed è “… per questo motivo – sostiene Elisa Macchi – che per dare risposte a questo importante problema bisogna continuare a lavorare in sinergia tra pubblico, privato e istituzioni”. Marco Salvi, presidente di Fruitimprese, sul tema “I nuovi mercati: numeri, tendenze e barriere”, ritiene che il kiwi risulti essere un prodotto virtuoso nello scenario del comparto frutticolo italiano poiché l’Italia riesce ad esportare circa il 70-80% della produzione.

 

È stata evidenziata, comunque, l’importanza di aprire nuovi mercati attualmente chiusi per via delle cosiddette barriere fitosanitarie, considerate spesso una forma di protezionismo da parte di alcuni Paesi (nella fattispecie: Giappone, Messico, Vietnam e Israele). Si è parlato anche dei maggiori competitor italiani. In testa la Grecia, seguita da Cile e Nuova Zelanda che, però, non sono in concorrenza diretta con l’Italia poiché producono in contro stagione.

 

 

Durante il Summit mondiale si è svolta anche la tavola rotonda sulla situazione italiana della batteriosi cui hanno preso parte esperti dei servizi fitosanitari delle regioni Emilia Romagna, Veneto, Piemonte e Lazio, oltre a responsabili dei CRA di Roma e Caserta, il coordinatore coordinamento del CReSo e Raffaele Testolin, docente dell’università di Udine. In base alle recenti statistiche è emersa una significativa diffusione della batteriosi con punte del 70% delle aziende colpite in Veneto e addirittura del 100% nel Lazio mentre in Piemonte e in Emilia Romagna il contagio si assesta sul 50%.

 

Raffaele Testolin ha, dunque, parlato dei progetti in atto per debellare la malattia (e per la quale ancor oggi non esiste una soluzione definitiva) che appare più insidiosa nei casi in cui il batterio si sia già insediato all’interno della pianta.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.