4 settembre 2013 - Cesena, Cronaca, Società

Una guida sulla protezione dei diritti umani

L'autore è il cesenate Andrea Sirotti Gaudenzi

CESENA - In questi giorni è uscito nelle librerie la nuova edizione del  volume dedicato alla protezione dei diritti umani scritto dall’avvocato cesenate Andrea Sirotti Gaudenzi, autore di numerosi testi giuridici e docente presso varie Università e centri di ricerca. L’opera, intitolata “I ricorsi alla Corte europea dei diritti dell’uomo” è stampata dall’editore Maggioli ed è stata completamente riscritta da Sirotti Gaudenzi, per dar spazio alle recenti decisioni espresse dalla Corte di Strasburgo e dalla giurisprudenza nazionale.

 

Infatti, anchela Corte di Cassazione italiana è finalmente giunta alla conclusione che le decisioni della Corte europea sono vincolanti per tutte le Autorità nazionali, completando un percorso che consente di rendere veramente efficace il sistema europeo di protezione dei diritti dell'uomo. L’opera offre ampio spazio alle soluzioni offerte dai Giudici di Strasburgo nei confronti delle storture del sistema giudiziario italiano (attualmente vero e proprio “osservato speciale” a livello europeo). Inoltre, sono approfondite varie tematiche recentemente oggetto di analisi da parte delle istituzioni europee, come il sovraffollamento delle carceri italiane e la protezione della proprietà di fronte all’attività della Pubblica Amministrazione.

 

Il testo, giunto alla quarta edizione, è divenuto negli ultimi anni un punto di riferimento per tutti gli operatori impegnati nella tutela dei diritti dell’uomo ed è adottato in corsi universitari e in seminari per la preparazione di giuristi, che possono giovarsi del taglio particolarmente operativa del volume. Andrea Sirotti Gaudenzi, infatti, ha sintetizzato nelle pagine del testo le sue esperienze professionali maturate nel corso del tempo presso le Corti europee, davanti alle quali ha ottenuto provvedimenti di particolare importanza, tra cui la decisione che ha parificato la reiterazione di vincoli urbanistici da parte di un Comune romagnolo all’espropriazione di un bene.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.