14 agosto 2013 - Cesena, Cronaca, Brevi

Lavoratore stagionale trattato come uno “squatter”

CESENATICO. Si era accampato in uno degli edifici delle ex colonie di Cesenatico l'uomo denunciato ieri dalla Polizia. 31enne, catanese, era in città per fare la stagione al mare come aiuto-cuoco in un ristorante.

Per entrare dentro l'edificio, abbandonato da decenni, aveva rotto una porta e divelto una recinzione. Due atti gravi, o almeno così li ha considerati chi li ha scoperti, ovvero il legale che si occupa di tutelare gli interessi della società che amministra le ex colonie, che ha subito chiamato la Polizia. Gli agenti hanno trovato una brandina e alcuni effetti personali e avviato le indagini. Ricostruendo l'identità dell'uomo, lo hanno raggiunto sul posto di lavoro per accertamenti e, in seguito, gli hanno notificato la denuncia di danneggiamento aggravato e invasione di terreno.

C'è da chiedersi se, pur considerando la più o meno grave entità del danneggiamento, l'uomo, probabilmente già vessato da una situazione economica precaria e comunque evidentemente impossibilitato a cercarsi un alloggio migliore, meritasse effettivamente un trattamento del genere.

 

(Michele Dori)

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.