10 maggio 2013 - Cesena, Cronaca, Cultura, Società

Valle Savio e Conservatorio “Maderna” per una più stretta collaborazione con l'istituto “Corelli”

CESENA - Si aprono nuove prospettive per la cultura musicale a Cesena. Questa mattina è stato firmato l’accordo fra Comune di Cesena, Asp Cesena Valle Savio e Conservatorio “Bruno Maderna” per l’avvio di un percorso di più stretta collaborazione fra lo stesso Conservatorio e l’istituto di cultura musicale “Corelli”. Alla firma erano presenti l’Assessore alla Cultura e Pubblica Istruzione Elena Baredi, la Presidente dell’Asp Elide Urbini e il Direttore del Conservatorio Adriano Tumiatti, che hanno unanimemente sottolineato come questo rappresenti un traguardo importante per Cesena e per il suo esercito di musicisti e appassionati delle note: basti dire che solo gli studenti di musica dei due istituti sono circa 700 (241 del Corelli e 450 del Conservatorio).

 

Con il documento siglato oggi (frutto di vari mesi di confronto) si mira a  promuovere lo sviluppo, il consolidamento e la ulteriore qualificazione delle opportunità di formazione musicale presenti a Cesena. La città vanta una lunga e gloriosa tradizione in questo campo e il merito va, senza dubbio ascritto alla presenza due istituzioni importanti e complementari, quali appunto il Conservatorio e l’Istituto Corelli. Infatti, se al primo è affidata l’alta formazione con finalità professionali, il secondo da più di 200 anni svolge un’insostituibile ruolo di divulgazione e sensibilizzazione.

 

Dopo una lunga convivenza, in cui spesso si sono sfiorati, oggi si è stretta una più solida collaborazione che si tradurrà in primo luogo nella possibilità per gli allievi del Corelli di seguire percorsi formativi uniformati con quelli del Conservatorio: questo li metterà nelle condizioni di affrontare più agevolmente (e anche con minori spese) gli esami di accesso allo stesso Conservatorio, potendo, ad esempio, contare sulla presenza dei docenti del Corelli nella commissione esaminatrice.

Ma le forme di collaborazione saranno più ampie, e già ora si aprono prospettive per dar vita insieme a produzioni artistiche, masterclass ecc.

In questo contesto, assume un interesse particolare anche l’imminente trasferimento del Corelli a Palazzo Nadiani, previsto entro l’estate, in tempo per il prossimo anno scolastico. Nella nuova sede, infatti, ci saranno spazi di studio più ampi e un nuovo auditorium, che potrà essere utilizzato anche dal Conservatorio. E già questa mattina si è ventilata l’ipotesi che nel prossimo autunno il ‘Maderna’ organizzi in questo nuovo spazio un concerto in omaggio di Arcangelo Corelli, di cui quest’anno ricorre il 300 anniversario della morte.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.