19 febbraio 2013 - Cesena, Politica, Società

Bulbi e Castagnoli rimbeccano il Sindaco Roberto Buda

"Sul PSC di Cesenatico l'unica “estromessa” è la verità dei fatti"

CESENA – La Provincia di Forlì Cesena critica la posizione del sindaco di Cesenatico Roberto Buda che nei giorni scorsi attraverso la stampa, si era attribuito il merito di aver riportato la “sburocratizzazione” a Cesenatico. Le dichiarazioni del primo cittadino di Cesenatico hanno infastidito presidente e assessore alla Pianificazione Territoriale.“Apprendiamo dalla stampa dei 'grandi meriti' che il Sindaco del Comune di Cesenatico si è assunto rispetto ad attività di “sburocratizzazione” relative alla gestione dei rapporti intercorrenti tra gli strumenti urbanistici provinciali e quelli comunali. Poiché i fatti narrati sono stati totalmente distorti, ci sembra doveroso ed opportuno fare chiarezza. Con un'attività avviata nel 2006 e terminata nel 2010, la Provincia ha condotto, d'intesa coi Comuni interessati, un processo di co-pianificazione, consistente nella redazione di variante al PTCP con la contestuale formazione dei PSC di 21 comuni del territorio. Questa attività, conclusa in Regione dalla sola Provincia di Forlì-Cesena, ha comportato un reale momento di semplificazione, consentendo un contestuale aggiornamento della pianificazione dei comuni ai contenuti del Piano provinciale ed alla nuova legge urbanistica regionale”, spiegano Massimo Bulbi e Maurizio Castagnoli.

I due membri della giunta provinciale ribattono alle dichiarazioni di Buda spiegano di che nel corso del 2012 la Provincia si è preoccupata di dare corrette indicazioni ai Comuni che avevano aderito all'accordo di pianificazione, in merito alla possibilità di poter gestire e sviluppare i propri Piani comunali e, vista l'estrema complessità della materia e la necessità di fornire indirizzi incontrovertibili, ha avviato un approfondimento giuridico in tal senso con la Regione Emilia Romagna, i cui esiti sono stati trasmessi a tutti i Comuni che avevano sottoscritto l'accordo.

“I fatti richiamati dal Sindaco Buda nelle sue comunicazioni a mezzo stampa si riferiscono – continuano Castagnoli e Bulbi - pertanto, ad attività svolte dalla Provincia per completare un fondamentale aiuto fornito ai Comuni e dare loro certezze in merito alla legittimità degli atti.

In tali attività, possiamo affermarlo con certezza, non ha avuto alcun ruolo il Comune di Cesenatico che tuttavia, per bocca del suo Sindaco, se n'è assunto i meriti senza titolo, forse perché più interessato ai ritorni mediatici, che ai compiti amministrativi di competenza”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.