30 gennaio 2013 - Cesena, Cronaca, Società

Ivan Capelli incanta il Rotary di Cesena Cervia e Cesenatico

Racconti di Formula 1 tra storia e futuro

CESENA - La Formula 1 tra storia e futuro. La scorsa settimana, all'Hotel Casali il Rotary Club di Cesena e quello di Cervia Cesenatico hanno invitato come relatore della serata Ivan Capelli, ex pilota di Formula 1. Una delle voci ufficiali Rai dei Gran Premi di F1, Ivan Capelli è nato il 24 maggio del 1963 e dopo l'esordio in F1 al Gran Premio d'Europa del 1985 ha corso per diverse scuderie storiche come Tyrrel, March e Jordan ma soprattutto in Ferrari (nel 1992).

“La F1 non cambierà molto rispetto allo scorso anno – ha detto Ivan Capelli – ed i piloti che hanno più chance di vincere sono Fernando Alonso, Lewis Hamilton e Sebastian Vettel. Oggi la competizione in F1 è molto più dura rispetto ai tempi in cui correvo io in quanto la tecnologia molto avanzata delle auto tende ad annullare la bravura dei singoli piloti. Nel 1992 quando correvo in Ferrari, la mia auto di F1 aveva due pulsanti al volante, uno per bere e l'altro per comunicare con la scuderia, oggi i volanti di F1 hanno ben 18 pulsanti, sono dei veri e propri computer. Anche l'utilizzo della telemetria in F1, ovvero i sensori a bordo dell'auto in gara che inviano i dati sulle sue prestazioni agli ingegneri, ha consentito alle scuderie di F1 di programmare al minimo dettaglio le gare dei loro piloti e così, oggi, gli spazi di manovra del campione rispetto al pilota medio si assottigliano sempre di più. Poi – ha proseguito Capelli - i piloti di oggi devono affrontare stagioni sportive sempre più lunghe dove le esigenze degli sponsor richiedono anche molto tempo dedicato alla raccolta fondi e alla “visibilità” della squadra di appartenenza. Così ci si ritrova il giorno della gara con un pilota che è “già spremuto” prima ancora di gareggiare. Ed ancora anche l'evoluzione delle gomme, fattore determinante per la vittoria in F1, è stata straordinaria livellando così ulteriormente la competizione. Ma i campioni fanno ancora la differenza. Uno di questi era certamente Michael Schumacher imbattibile su pista bagnata. Quello che si è perso in F1 forse è però la Poesia. Tutto ormai è vincolato a rigidi protocolli e specifiche tecniche è perciò l'estro e la fantasia ne sono penalizzate”.

Alla serata hanno preso parte anche Gabriele Tredozi, ex ingegnere della Minardi e Mario Di Natale, presidente della Nazionale Piloti di F1 che, con le sue partite di calcio, ha raccolto e donato in beneficenza fino ad oggi circa 16 milioni di euro.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.