16 gennaio 2013 - Cesena, Cronaca, Politica, Società

Cesenatico, la variante al Prg rischia di creare un precedente

Alberto Papperini (M5S): “I nostri dubbi sono molteplici"

CESENATIO – Il MoVimento 5 Stelle torna sulla variante del 6% del Piano Regolatore e lo fa per sollevare quesiti e riflessioni. “I nostri dubbi sono molteplici – spiega Alberto Papperini leader del MoVimento - in particolare sull’osservazione presentata dalla società Milano srl di Scialfa Edgardo. Dal Permesso di Costruire Convenzionato adottato in delibera, risulta che quasi tutto viene concesso in deroga: volumi, altezze, standard, monetizzazione del verde. Se si pensa che col vigente PRG poteva realizzare un albergo di 2500 mq., com’è possibile adottare un progetto in variante da 15.000 mq.?”. A riprova di quanto dichiarato, il MoVimento elenca alcune questioni, che a loro detta, avrebbero bisogno di approfondimenti.“L’amministrazione nei suoi atti e per il tramite del Dirigente dell’Ufficio Urbanistica, avrebbe dichiarato che tale legge non si applicherebbe all’intervento sulla “ex colonia Varesina” in viale Carducci, ove è prevista la costruzione di 15.000 metri quadrati di superficie utile invece dei 2.500 previsti dal vigente PRG e un’altezza di 11 piani invece dei 6 attualmente ammessi. Come può una delibera comunale contraddire una legge dello Stato che deve ritenersi sovraordinata e vincolante?”, racconta Papperini.

Secondo il MoVImento, inoltre, Il Comune non richiederebbe la scrupolosa osservanza della normativa che disciplina la costruzione dei parcheggi e la realizzazione del verde e questo porterebbe, come diretta conseguenza, ad un aumento delle situazioni di disagio e degrado all’interno del tessuto urbano.

“La variante in questione contrasta con la prescrizione del Piano Territoriale Regionale e Provinciale relativo alla zona di ambito costiero, nell’ottica di un miglioramento dell’assetto urbanistico e ambientale, prescrive in modo analitico le norme di tale recupero e limita gli aumenti volumetrici per evitare un aumento del carico urbano e una  cementificazione selvaggia. Tale normativa è stata rispettata?”, chiede Papperini.

“Crediamo che sia dovere della Provincia fugare ogni dubbio sulla legittimità di una variante urbanistica che comporterebbe una pesante cementificazione del lungomare di levante, lo stravolgimento e appesantimento del delicato tessuto urbano in una zona che va riqualificata ma certamente non devastata – continua il leader del MoVimento 5 Stelle - Attendiamo un suo pronunciamento”.

Ma quali sarebbero le conseguenze di questa variante? “Se fosse definitivamente approvata  – risponde Papperini -  si creerebbe un precedente, perchè tanti altri proprietari di immobili e colonie potrebbero richiedere legittimamente lo stesso trattamento. In poco tempo riempiremmo Cesenatico di condomini e resort alti 11 piani senza parcheggi e senza verde. L’economia turistica sarebbe definitivamente compromessa. Diversamente, il nostro Comune ha bisogno di interventi di vera riqualificazione dell’assetto urbanistico, con l’aumento di dotazioni di verde, attrezzature, strutture e servizi per la collettività, piste ciclabili, recupero di zone in degrado attraverso contenuti indici volumetrici e destinazioni d’uso improntate alla qualità”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.