Nuove costruzioni a Roncofreddo, i Verdi insorgono

Davide Fabbri: "così si distrugge il paesaggio delle nostre colline"

Mettere un "freno" al consumo del territorio: il suolo è una risorsa assolutamente «esauribile», occorre puntare sul recupero del patrimonio edilizio esistente e su questo, siamo tutti d’accordo, almeno in linea di principio. Oggi Davide Fabbri, esponente dei Verdi segnala quello che ritiene un attacco vergognoso al paesaggio collinare. Per raccontare questa vicenda bisogna trasferirsi a Diolaguardia, una frazione montana di Roncofreddo.

In questa zona si sta lavorando per costruire decine di appartamenti. “Come è stato possibile autorizzare a Diolaguardia una vergognosa cementificazione in un territorio collinare e pregiato dal punto di vista ambientale, che andrebbe tutelato?” Fabbri spiega coma la lottizzazione in corso sia stata autorizzata il marzo scorso. “Il sindaco di Roncofreddo farebbe bene a rispondere a questa elementare domanda: perchè ferire a morte il territorio con questa colata di cemento per la realizzazione di tanti appartamenti da vendere a prezzo di mercato, a prezzi non calmierati dall'ente pubblico, molti dei quali rimarranno invenduti?”, chiede Fabbri che poi elenca i motivi che stanno alla base di questa vicenda.

Da un lato, secondo l’opinione dell’esponente dei Verdi, il governo locale  non porrebbe argine agli interessi di rendita fondiaria dei proprietari delle aree, risulterebbe scarsa la normativa di tutela urbanistica ambientale, e vi sarebbero forti interessi economici e immobiliari che spingerebbero al consumo del territorio a discapito dell’ambiente. Non è tutto, qui, tanto che Fabbri rincara la dose e denuncia la “quasi assente la presenza di persone attive a Roncofreddo su questi temi così delicati: servirebbero persone motivate a difendere il proprio territorio, per cercare di impedire nuove ferite all’ambiente e al paesaggio, per cercare di diffondere una idea diversa di modernità”.Insomma, per l’ambientalista si sta continuando a costruire a dismisura, senza tener conto degli effettivi fabbisogni residenziali e conclude il suo intervento ponendo un altro quesito, forse il più importante: “Come mai nessuno interviene in Consiglio comunale a Roncofreddo a denunciare questo scempio ambientale? Perchè questo assordante silenzio della politica locale di Roncofreddo in merito a questo progetto così impattante?

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.