12 luglio 2012 - Cesena, Cronaca, Società

Truffatori nomadi a Cesenatico

Polizia, Municipale e Carabinieri individuano una carovana di furbetti in sosta al parco di Levante

Questa mattina è stata effettuata un’operazione interforze a Cesenatico, coordinata dal Posto di Polizia e dalla Squadra Mobile di Forlì ed eseguita da personale della Polizia di Stato, della Compagnia Carabinieri di Cesenatico e della Polizia Municipale di Cesenatico.

L'operazione ha avuto origine da alcune segnalazioni pervenute da cittadini, che lamentavano la presenza di persone sospette che bivaccavano nella zona del Parco di Levante e di caravan di nomadi.

Sono state così identificate alcune persone che fanno parte di una comunità nomade italiana, che  attraverso un “modus operandi” abbastanza particolare e collaudato potrebbe aver messo a segno alcune truffe in zona.

La modalità parrebbe essere la seguente: alcune autovetture dei nomadi avevano gli specchi retrovisori allentati e così, adocchiata la potenziale vittima, con la scusa che questa con la propria auto aveva urtato lo specchio ne chiedevano l'immediato risarcimento. I truffati, visto che tali personaggi avevano con loro sempre bambini o donne in gravidanza, per evitare discussioni o problematiche, o presi dalla concitazione, preferivano pagare la somma di denaro richiesta e chiuderla lì.

Tutti i componenti di questa carovana, che era posizionata in viale Dei Mille, sono stati identificati, cosi che qualora tali fatti vengano nuovamente messi a segno in zona si potrà individuare più agevolmente i responsabili. Tutti gli identificati risultano avere alle spalle svariati precedenti di polizia. Uno di questi aveva altresì ricevuto un provvedimento di allontanamento dal Questore di Teramo.

Le persone della carovana nomade, dopo l'identificazione, sono comunque partite e si sono allontanate da Cesenatico.

Sono stati anche identificati due uomini rumeni, già peraltro conosciuti, che dormivano tra i cespugli del parco di levante: si tratta di due senza tetto che non risultano pericolosi e che vivono di elemosine, i quali sono stati comunque invitati ad allontanarsi e a chiedere assistenza alle varie associazioni e comunità di accoglienza.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.