16 maggio 2012 - Cesena, Cronaca, Politica, Società

La strage delle piante a Cesenatico

Cittadini e PLI protestano contro le scelte dell'amministrazione

“Siamo stati tra i primi commentatori ad esprimere pubblicamente i nostri dubbi sul previsto abbattimento di numerosi alberi, ubicati lungo viale Torino, con il fine di creare spazio per nuovi parcheggi ed il Sindaco ha risposto alle nostre cortesi perplessità semplicemente definendole “sterili polemiche”. Da parte nostra, con dispiacere, ne prendiamo atto anche se nel frattempo è montata da parte di numerosi cittadini una forte protesta in opposizione all'eliminazione degli storici alberi che costeggiano uno dei più caratteristici viali della nostra città. Striscioni e volantini adornano viale Torino e noi stessi abbiamo incontrato numerosi cittadini che si sono detti arrabbiatissimi nei confronti di una amministrazione che non solo non li ascolta ma che procede diritta seguendo logiche scarsamente condivisibili se non del tutto incomprensibili”.

Così commenta il segretario comunale del PLI di Cesenatico, Axel Famiglini, sul piano di abbattimento delle piante in via Torino.

L’esponente dei liberali evidenzia come non sia chiaro a nessuno  quali siano gli alberi  da abbattere e quali no, spiegando che i “malati e secchi”, citati dalla Giunta sono diventati col tempo, “alberi di troppo”. “A seguito del dilagare della protesta, (la Giunta) si è giustificata dicendo che gli alberi fossero troppo fitti”, conferma Famiglin che invita così il Sindaco a fare marcia indietro e riconsiderare la scelta. “Preghiamo il Sindaco di illustrare ai cittadini quali siano i suddetti alberi malati, quale sia la malattia che li ha colpiti, quali siano, se possibili, le alternative all'abbattimento e quali siano le alberature disseccate dato che sostanzialmente tutti gli alberi posti ai lati della via mostrano, almeno all'apparenza, una chiara verzura primaverile”, continua il  segretario del PLI.  Via Torino come via Trento: Proprio su questo tratto urbano, la protesta dei cittadini si è fatta intensa “Data la situazione non possiamo far altro che rilevare che se la Giunta non saprà rinnovare i propri orizzonti intellettuali e dimostrarsi maggiormente “elastica” nei confronti delle problematiche cittadine e delle relative soluzioni, la credibilità politica dell'amministrazione in carica risulterà seriamente compromessa e gli anni che ci attendono, prima di raggiungere la scadenza naturale della legislatura, rischiano di essere costellati da numerosi scontri tra la cittadinanza ed un governo locale sempre più estraneo dalla realtà dei suoi amministrati”, conclude Famiglini

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.