16 aprile 2012 - Cesena, Agenda, Cronaca, Cultura, Eventi

A Cesena si rivive il passato

Quattro armature da campo saranno presentate al pubbblico in una rievocazione storica

La rievocazione storica della “Giostra d’incontro” di Cesena – fissata per domenica 22 aprile alla Rocca - farà da cornice alla presentazione ufficiale delle quattro ‘armature da campo aperto’ appena restaurate grazie all’intervento dell’IBC e del nuovo allestimento espositivo realizzato all’interno della Torre Maschio per accogliere adeguatamente questi pregevoli manufatti, che si affiancano alle quattro antiche selle da giostra, recuperate nel 2009 sempre grazie all’IBC.

“Questi interventi – sottolineano il Sindaco Paolo Lucchi e l’Assessore alla Cultura Elena Baredi – portano avanti il percorso di valorizzazione del nostro patrimonio culturale e, in particolare, della Rocca Malatestiana, negli ultimi anni oggetto di varie opere di  recupero, che ne hanno migliorato la fruibilità e l’ospitalità. Si tratta di una delle punte di diamante di Cesena e siamo convinti che sempre di più potrà rappresentare un punto d’attrazione non solo per i cesenati, ma anche per chi viene da fuori”.

 

L’intervento di recupero

D’intesa con il Comune di Cesena e in collaborazione con la Provincia di Forlì-Cesena,  la Soprintendenza di competenza e le Associazioni culturali locali, l’IBC ha promosso e finanziato un progetto di valorizzazione triennale proseguito con continuità dal 2007 ad oggi, di cui è stata responsabile di progetto la dottoressa Antonella Salvi, che ha previsto in primo luogo:

-  il restauro di quattro selle da torneo del ‘700: esemplari piuttosto rari e pregevoli, composti da diversi elementi (metallo, rame, ferro, cuoio, pelle, paglia, tela di canapa, crine, legno) in uno stato conservativo di notevole degrado. Per caratteristiche tecniche ed estetiche e per tale varietà materica, le selle hanno richiesto il coinvolgimento di competenze specifiche: il lavoro è stato eseguito da una ditta Ettore Aspetti di Piacenxa, specializzato nel restauro di carrozze storiche, considerato che il restauro delle selle da incontro è fortemente assimilabile per analogie materiche alle carrozze storiche;

 

-  il recupero delle quattro antiche armature (dalla metà del ‘400 all’800), in ferro, ottone e cuoio. Per il livello di degrado differente da armatura ad armatura, per la preliminare campagna diagnostica necessaria, per particolari caratteristiche tecniche, scientifiche ed estetiche, l’intervento è stato affidato alla ditta maggiormente specializzata nel settore tipologico: laboratorio Nicola Salvioli di Firenze;

 

- la realizzazione del video “Hastiludium civium cesenatensium: Il Gioco dell’Asta dei cittadini di Cesena”a documentazione delle fasi dell’intervento di restauro e di nuovo allestimento delle armature e assieme di ricerca e recupero di un pezzo di storia della città e della sua Rocca; (il video non ancora inaugurato e già richiesto dalla Regione Istriana dove nella città di Parenzo si tiene da tempo una analoga Giostra);

 

- un nuovo progetto allestitivo delle selle e delle armaturea completamento del progetto di restauro è stato realizzato grazie al Comune e alla condivisa sensibilità di migliorare la fruizione da parte del pubblico di queste singolari opere; soluzioni tecniche e strutturali che consentano la ricomposizione delle quattro armature che smontate nelle loro parti costitutive ed esposte in vetrina, allo scopo di consentire la corretta lettura di ogni singolo esemplare;

- infine, in corso di avvio un ulteriore intervento di restauro di un dipinto su tela (200x 100) della Pinacoteca di Cesena che raffigura  “Ritratto di Cavaliere di Casa Roverella”, è  di ignoto pittore romagnolo del XVII secolo. Oltre ad essere una importante testimonianza dell’arte pittorica seicentesca locale, si collega curiosamente alle antiche armature di cui il cavaliere ne indossa probabilmente una; le ricerche storiche indicano infatti che alcune armature furono appartenute proprio alla famiglia Roverella; ma l’affascinante ricerca e studio continua…

L’intervento di studio e di restauro dei pregevoli beni esposti alla Rocca Malatestiana promosso e finanziato dall’IBC si inserisce nell’ambito di un complesso e generale progetto di recupero architettonico e di ridefinizione del percorso di visita del Museo della Rocca di Cesena che già da anni vede impegnati l’Istituto Beni Culturali, l’Amministrazione Comunale e le Fondazioni locali: la presenza di oggetti che testimoniano le vicende dei secoli passati che hanno interessato l’importante sito è premessa indispensabile per valorizzare gli ambienti storici della Rocca e migliorarne la leggibilità e la comprensione da parte del numeroso pubblico che la visita, caratterizzato in particolare da scuole.

 

La Giostra d’Incontro rivive in una giornata di rievocazione storica e approfondimento

Queste armature, e le selle precedentemente restaurate, erano utilizzate nel contesto della Giostra d’incontro, torneo introdotto a Cesena prima del 1465 e proseguito ininterrottamente fino al 1838 allorché il grave ferimento di uno dei partecipanti pose fine a quest’antichissima istituzione. Fino a quell’anno, infatti, i cittadini cesenati erano soliti riunirsi in Piazza del Popolo (allora ‘Piazza Inferiore’) per assistere allo spettacolo di destrezza e abilità messo in scena da quattro cavalieri che difendevano i colori dei rispettivi rioni della città.

Per la presentazione dei restauri compiuti si  voluto ricreare – per quanto possibile - l’atmosfera della Giostra d’incontro, con una giornata di rievocazione storica e approfondimento che si terrà domenica 22 aprile, a partire dalle ore 15, negli spazi della Rocca Malatestiana. Fin dal primo pomeriggio sarà allestito un campo militare rinascimentale a cura di Compagnia di San Michele, mentre sarà possibile visitare una mostra sulla storia della cavalleria a cura di associazione Nazionale di Cavalleria - Sezione di Cesena e assistere a una dimostrazione di sparo con martinetto

Alle ore 16 prenderà la presentazione vera e propria delle quattro ‘armature da campo aperto’ e delle Selle per la Giostra. Dopo i saluti del Sindaco Paolo Lucchi, del Presidente dell’IBC Angelo Varni, dell’Assessore alla Cultura Elena Baredi e della responsabile del Servizio Musei dell’IBC Laura Carlini, sono previsti gli interventi di: Antonella Salvi, del Servizio Musei - Conservazione e Restauro dell’IBCe responsabile del progetto di restauro;Nicola Salvioli, autore del restauro e dell’allestimento delle armature (no dei maggiori esperti del settore); Paolo Zanfini, Istituzione Biblioteca Malatestiana di Cesena; Otello Amaducci, Presidente dell’associazione Conoscere Cesena.

A seguire, intorno alle ore 17, il taglio del nastro davanti alla torre maschio, che ospita le armature e le selle nel nuovo allestimento.

Nella sede espositiva sarà proiettato anche il video promosso dall’IBC “Hastiludium civium caesenatensium. Il gioco dell’asta dei cittadini di Cesena”, che documenta il recupero delle armature e rievoca la storia del gioco dell’asta, cioè del torneo a cavallo. A seguire sarà presentato anche  il documentario "Domenico Novello".

Nel corso della giornata sarà possibile passeggiare lungo i camminamenti interni ed esterni della Rocca e assistere agli spettacoli di danze medievali e musica a cura di Compagnia di San Michele.

L’evento, che rientra nel programma della Settimana della Cultura, è a ingresso libero.

Il recupero delle armature e la realizzazione del video, per un importo di 40mila euro, è stato sostenuto dall’IBC, mentre il Comune si è fatto carico dell’allestimento degli spazi espositivi.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.