6 marzo 2012 - Cesena, Cronaca

Circola con l'assicurazione scaduta e dichiara il falso, nei guai un riminese

L'uomo è accusato dalla Municipale di Cesenatico di contraffazione e falsa dichiarazione a pubblico ufficiale

Lo scorso ottobre una pattuglia della polizia municipale di Cesenatico fermò per controlli di polizia stradale un autocarro furgonato per trasporto di alimenti. Al parabrezza era esposto un contrassegno assicurativo scaduto da qualche giorno.

Al conducente, che risultava essere l'autista di una ditta riminese che aveva a noleggio l'autocarro e che nella circostanza non seppe fornire indicazioni agli agenti, venne pertanto intimato di presentarsi ad un ufficio di polizia per presentare la documentazione assicurativa mancante.

Alla scadenza termine però nessuno si è fatto vivo.

Ne è conseguita la contestazione di un illecito amministrativo da 390 euro per la mancata presentazione ed un accertamento d'ufficio presso la compagnia di assicurazione, la quale pare abbia comunicato che, alla data in cui il veicolo venne fermato, il contratto di assicurazione era già scaduto da quasi un mese e che lo stesso non era poi mai stato rinnovato. Si configurava così anche la circolazione dell'automezzo senza assicurazione.

I provvedimenti sanzionatori che ne sono scaturiti hanno avuto per destinatari sia l'autista che il titolare del contratto di noleggio;

questi, dopo qualche giorno, si è presentato presso gli uffici della polizia municipale di Cesenatico per reclamare, sostenendo che l'autista aveva provveduto subito ad esibire la documentazione richiesta alla Polizia Municipale di Rimini, ed in proposito esibiva documentazione con tanto di timbro e di attestazione della Polizia Municipale del comune marittimo.

L'agente allo sportello notava però qualcosa di strano nella documentazione esibita e ne riferiva all'ufficio di polizia giudiziaria della polizia municipale cesenaticense.

“E’ stata quindi aperta un'indagine e con la collaborazione della Polizia Municipale di Rimini si è accertato che la documentazione presentata, timbro compreso – spiega l’Ispettore capo della Polizia Municipale di Cesenatico Alessandro Scarpellini - era falsa ed era stata ‘prodotta’ dall'autista, il quale è risultato di fatto il ‘deus ex machina’ dell'operazione nonché convivente della titolare dell''azienda locataria dell'autocarro”. L'uomo, S.G. di 54 anni residente a Rimini, è quindi stato deferito all'Autorità Giudiziaria per avere commesso i reati di contraffazione di sigillo e di falsa dichiarazione a pubblico ufficiale.

Naturalmente sono altresì proseguiti i procedimenti sanzionatori amministrativi relativi alla circolazione senza assicurazione, oramai giunti ad un ammontare di oltre un migliaio di euro.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.