30 novembre 2011 - Cesena, Cronaca, Società

Lucchi ringrazia il Prefetto per il lavoro svolto e rilancia il tema della sicurezza

"Desideriamo rivolgere un sentito ringraziamento al Prefetto di Forlì-Cesena Angelo Trovato, per aver voluto che Cesena ospitasse questa mattina la riunione del Comitato Provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica. Si tratta di un evento fuori dell’ordinario – di norma gli incontri si svolgono in Prefettura – che vanta pochissimi precedenti in passato. E non si deve leggere – come qualcuno ha insinuato - questo appuntamento come il segnale di una difficoltà in atto, ma piuttosto come la conferma della particolare attenzione con cui il  Prefetto segue il nostro territorio e la sua volontà di riaffermare il ruolo vivo e partecipe delle istituzioni preposte alla sicurezza, la loro vicinanza alla nostra realtà".

 

Le parole sono quelle del primo cittadino cesenate Paolo Lucchi che con una nota diffusa alla stampa rivolge un plauso alla Prefettura e al Governatore Angelo Trovato che questa mattina ha preso parte alla riunione sull'ordine e la sicurezza pubblica tenutasi a Cesena.

 

"Viviamo un momento di crisi particolarmente difficile - prosegue la nota di Lucchi -  che sta minando tutte le nostre certezze e a farci guardare al futuro con preoccupazione. Una condizione che si riverbera in ogni campo della nostra vita, facendoci sentire meno sicuri. Per fortuna, i dati relativi ai reati compiuti nel nostro territorio indicano una situazione di tenuta. Anzi per alcuni tipi di reato si registra una sensibile diminuzione, mentre anche laddove si segnala un incremento, si tratta di un fenomeno contenuto e decisamente ridotto rispetto a quello che si registra in altre parti d’Italia, e in qualche modo facilitato da quella fiducia che ancora contraddistingue – per fortuna - il nostro territorio, dove ancora molti – specialmente nelle zone rurali- tengono la porta aperta e la chiave nella toppa".

 

Lucchi conclude il suo intervento ricordando di non abbassare, però, la guardia sul tema della sicurezza e che le strada intrapresa, fatta di educazione e legalità, deve essere costantemente battuta: "Siamo ben consapevoli che sul fronte della sicurezza del territorio non possiamo permetterci di abbassare la guardia, dando per acquisiti i risultati raggiunti. L’esperienza ci insegna che, invece, si tratta di una conquista da confermare ogni giorno, grazie al lavoro delle donne e degli uomini che vigilano sulla nostra sicurezza. Ma anche attraverso una costante attività di educazione alla cultura della legalità, da perseguire quotidianamente nei confronti, soprattutto, ma non solo, dei nostri giovani nelle scuole".

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.